Brexit: May insiste: ‘Voto sull’accordo dopo il 7 gennaio. Avute assicurazioni su backstop’

La premier Theresa May ha ribadito ai Comuni l’intenzione di non convocare subito un voto sul suo accordo per la Brexit. “Torneremo a discuterne il 7 gennaio e lo voteremo la settimana successiva“, ha detto la premier.

“L’Ue – ha detto la premier – mi ha assicurato che il backstop non sarà mai attivato“. “I miei colleghi europei non potrebbero essere più d’accordo con noi: non vogliono usare il backstop”, ha aggiunto May, citando in proposito il presidente francese Emmanuel Macron per il quale “il backstop non è l’obiettivo”.

La scorsa settimana, la premier ha annullato un voto ai Comuni sull’accordo da lei raggiunto con la Ue, di fronte alla certezza della sua bocciatura. Ma per Blair, che ha detto di ammirare la determinazione di May nel voler far passare l’accordo, ma dopo 30 mesi di negoziati, con il governo “nel caos”, ridare la parola al popolo sarebbe “logico” se tutte le altre opzioni falliranno.

Media, Corbyn pronto a mozione di sfiducia – Il leader del partito Laburista Jeremy Corbyn è pronto a presentare una mozione di sfiducia contro Theresa May dopo la dichiarazione della premier alla Camera dei Comuni di oggi pomeriggio. Lo riferisce la Bbc

Per Fitch downgrade quasi certo senza accordo – Senza un accordo fra Londra e Bruxelles, Fitch quasi certamente taglierà di nuovo il rating della gran Bretagna il prossimo anno. Lo ha detto l’analista James McCormack all’agenzia Reuters, che lo pubblica sul suo sito, spiegando che un ‘no deal’ manderebbe l’economia in recessione: leggera nel caso in cui l’instabilità di un simile scenario si risolva velocemente, e più profonda nel caso di uno stallo prolungato, che nelle previsioni dell’agenzia di rating manderebbe il Pil in negativo dello 0,6% nell’arco dell’intero 2019. “Chiaramente peggiore lo scenario di recessione maggiore il deficit, facendo marcia indietro nella riduzione del rapporto deficit/Pil e quasi certamente con un impatto sul rating”, ha deto McCormack. Fitch mantiene una prospettiva negativa sul rating inglese, dopo averlo tagliato ad ‘AA’ da ‘AA+’ dopo il voto a favore del divorzio dall’Unione europea nel 2016.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *