Russiagate: rapporto, campagna pro-Trump su vasta scala

Un’operazione russa su vasta scala attraverso i social per sostenere Donald Trump nella sua corsa alla Casa Bianca e dopo la sua elezione: è quanto documenta un rapporto preparato per il Senato Usa e visionato dal Washington Post, la più ampia analisi sulla campagna di disinformazione che avrebbero condotto i russi per il voto del 2016. Sono stati studiati milioni di messaggi postati sui social, forniti da Facebook, Twitter e Google al Senate Intelligence Committee, che arrivano fino a metà del 2017, quando tali aziende chiusero gli account russi.

La ricerca, condotta dalla Oxford University’s Computational Propaganda Project and Graphika, secondo il Post fornisce nuovi dettagli su come i russi lavorarono sul web per influire sul voto negli Usa, dividendo gli americani in gruppi di interesse chiave per messaggi mirati, e raggiungendo il picco di propaganda nei momenti clou della campagna, come i dibatti e le convention.

“Ciò che è chiaro è che tutti i messaggi cercavano di favorire il Partito Repubblicano, e in particolare Donald Trump”, si legge nel rapporto, secondo quanto scrive il Post. “Trump è menzionato soprattutto nelle campagne mirate ai conservatori ed agli elettori di destra, dove la messaggistica ha incoraggiato questi gruppi a sostenere la sua campagna. Ai gruppi principali che potevano sfidare Trump sono stati quindi inviati messaggi per confondere, distrarre e scoraggiare al voto”.

Il Post sottolinea che il rapporto rappresenta l’ultima prova che agenti russi abbiano aiutato Trump a vincere e ricorda che già lo scorso luglio la commissione intelligence del Senato Usa aveva condiviso le conclusioni contenute nel rapporto dell’intelligence del gennaio 2017 sulle interferenze russe.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *