Lascia Garofoli, il capo di gabinetto di Tria

Roberto Garofoli lascia il ruolo di capo di gabinetto del Ministero dell’Economia commentando, nel salutare i suoli collaboratori – a quanto si apprende -, anche i duri attacchi subiti nei mesi scorsi dal M5s e in particolare l’episodio dell’audio del portavoce della Presidenza del Consiglio, Rocco Casalino, contro i tecnici del Tesoro.

“E’ un prezzo che dobbiamo pagare. Siamo professionisti al servizio del Paese, come avviene in tutte le grandi democrazie occidentali”. Garofoli si è dimesso con una lettera consegnata ieri nelle mani del ministro Giovanni Tria: “Dopo lunghi anni alla guida del Gabinetto del Ministero e dopo averne assicurato continuità di funzionamento fino alla sostanziale approvazione della legge di bilancio – è uno dei passaggi – formalizzo la volontà, cui ti ho fatto cenno da qualche mese, di lasciare l’incarico per riassumere le mie funzioni di provenienza”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *