Supercoppa: pacifisti, no alla diretta Rai e no alle bombe

Antimilitaristi sardi davanti alla sede Rai di viale Mazzini a Roma per chiedere alla tv di Stato lo stop alla trasmissione in diretta tv della partita di Supercoppa tra Juventus e Milan in programma il 16 gennaio. Il motivo è sempre quello: la sede della gara, Gedda, in Arabia Saudita. La protesta dei pacifisti, nella capitale guidati da don Angelo Pittau, riguarda la fabbrica sarda di bombe della Rwm, che ha sede a Domusnovas nel Sulcis Iglesiente e la vendita – questa l’accusa delle associazioni – degli ordigni bellici all’Arabia Saudita. Che – contestano i pacifisti – è in guerra con lo Yemen. “Con noi – ha detto all’Ansa Angelo Cremone di Sardegna Pulita – c’era uno dei medici yemeniti che raccolgono i corpi delle vittime delle bombe”. Molto apprezzato dai pacifisti l’intervento al megafono del presidente del Federazione nazionale della stampa Giuseppe Giulietti. Che ha annunciato per il 16 gennaio, il giorno della partita, un presidio davanti all’ambasciata dell’Arabia Saudita: un appello anche ai giornalisti sportivi. “No alla vendita – ha detto rivolgendosi ai pacifisti sardi – delle armi italiane. Voi state onorando la costituzione”. Gli antimilitaristi hanno subito risposto sì all’invito: ci saranno anche loro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *