Carceri: quando il trattamento è inumano e degradante per la Cassazione

  1. La vicenda
  2. L’articolo 3 della CEDU, tre metri non sono un criterio “rigido”
  3. La giurisprudenza della Corte di Strasburgo

La vicenda

La Corte di Cassazione prende in esame il caso di richiesta di consegna alle autorità giudiziarie rumene nei confronti del P.S.
La Corte di appello di Roma respingeva la richiesta in questione, adducendo come motivazione principale il mancato rispetto dello spazio minimo in tema di mandato di arresto europeo (considerando la destinazione in regime “chiuso” della struttura penitenziaria della nazionalità di appartenenza). Nella specie, quest’ultimo, viene calcolato in tre metri quadri, tenendo in considerazione la possibilità del detenuto di potersi muovere liberamente tra i mobili.

La Suprema Corte giudica fondato il ricorso proposto dal Procuratore generale avverso la sentenza della Corte d’appello romana.

L’articolo 3 della CEDU, tre metri non sono un criterio “rigido”

La Corte sostiene come il requisito spaziale di tre metri quadri non debba essere visto come un criterio rigido al quale necessariamente conformarsi. L’articolo 3 della CEDU, nonostante sia stato interpretato dalla Corte di Strasburgo proprio a favore dell’opportunità di riconoscere uno spazio minimo individuale, non ritiene quest’ultimo come criterio definitivo per accertare la lesione dei diritti del detenuto.

In mancanza di un tale spazio verrà a formarsi una presunzione di trattamento inumano o degradante, che sarà confutabile tramite criteri altrettanto validi in grado di compensare la sua mancanza, come, ad esempio: «il grado di libertà di circolazione del ristretto e l’offerta di attività all’esterno della cella nonché le buone condizioni complessive dell’istituto e l’assenza di altri aspetti negativi del trattamento in rapporto a condizioni igieniche e servizi forniti».

Nel caso in esame, secondo la VI Sezione, la Corte di appello non ha fatto un buon uso delle linee guida sopra citate.

La giurisprudenza della Corte di Strasburgo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *