Al via fiera ‘mobile’ Barcellona, tra telefoni pieghevoli e 5G

Telefoni che si aprono a libro per fungere sia da smartphone che da tablet, e l’avvio del 5G, le nuove e veloci reti di telefonia mobile che si preparano a connettere a internet miliardi di oggetti, dal frigo all’auto, dalle macchine industriali alle luci delle città. E’ uno sguardo sul futuro quello che offre il MWC19, la fiera della telefonia di Barcellona che quest’anno abbandona il vecchio nome – Mobile World Congress – per identificarsi solo con l’acronimo: un modo per togliere enfasi dal “mobile” e abbracciare tutte le nuove forme di connessione e comunicazione.

La kermesse aprirà i battenti lunedì 25 febbraio, su una superficie di 100mila metri quadrati dove troveranno posto 2.200 aziende. Da Qualcomm a Zte, da Facebook a Google, passando per l’automotive con Bmw, Seat e Mercedes, i big ci saranno tutti o quasi.

I riflettori si accenderanno anche nel weekend che precede la fiera, dove i protagonisti saranno i produttori di smartphone.

Oppo, Huawei e Xiaomi sono attesi con i loro pieghevoli. Nel segmento, che dovrebbe innovare e rivitalizzare il mercato dei cellulari, Samsung ha giocato d’anticipo presentando nei giorni scorsi il Galaxy Fold. In campo ci sono poi il marchio Nokia, con il primo top di gamma, e LG, con una nuova linea completa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *