India:raid aereo in Kashmir, uccisi 350 militanti

L’esercito pachistano ha ripetutamente violato questa mattina all’alba il cessate il fuoco nella zona di Poonch, in Kashmir, lungo la cosiddetta linea di controllo, sul confine con l’India. Lo scrive l’agenzia di stampa indiana Ians. Per il settimo giorno consecutivo, i militari pachistani schierati sul confine hanno sparato colpi di mortaio e bombardato.

Ufficiali dell’esercito indiano ha detto di avere risposto con forza ai colpi di mortaio. Tutte le scuole sono rimaste chiuse e gli abitanti dei villaggi della zona sono stati

invitati a restare all’interno delle loro abitazioni.

Lo spazio aereo pachistano rimarrà chiuso ai voli commerciali fino alla mezzanotte di oggi ora locale (le 20:00 ora italiana). Lo ha detto l’Autorità per

l’aviazione civile (Caa) di Islamabad, smentendo una notizia circolata ieri sera secondo la quale era stato parzialmente

riaperto.

“Ci scusiamo per un precedente tweet in cui si parlava di una parziale riapertura dello spazio aereo”, si legge in un nuovo messaggio postato oggi dalla Caa.

La misura è in vigore da ieri, in seguito alla battaglia aerea del giorno prima tra India e Pakistan sui cieli del Kashmir.

L’aeronautica pachistana ha abbattuto due jet indiani che avrebbero superato il confine fra i due paesi nel nella contesa regione del Kashmir e hanno catturato un pilota.

Il presidente Donald Trump è fiducioso che India e Pakistan possano essere vicini a progressi dopo gli attacchi militari sul Kashmir che da ultimo hanno visto l’abbattimento di due aerei indiani e la cattura di un pilota. India e Pakistan “devono andare a quel punto” e gli Usa sono stati coinvolti nel tentativo di “aiutare entrambi” per “vedere se riusciamo a ottenere qualche organizzazione e pace. Credo che probabilmente questo sia destinato ad accadere. Abbiamo, credo, notizie ragionevolmente incoraggianti da Pakistan e India”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *