Ue: in Italia squilibri eccessivi

Per il sesto anno consecutivo l’Italia resta tra i Paesi con squilibri macroeconomici eccessivi assieme a Grecia e Cipro. Secondo quanto si apprende, la Commissione Ue ha una serie di timori a partire dal debito pubblico che non scenderà in modo significativo né quest’anno né il prossimo. Preoccupano anche le deboli prospettive economiche e le misure del Governo che appesantiranno i conti. Ma il nuovo giudizio arriverà soltanto dopo le elezioni europee, e sarà basato sul Def di aprile.

Intanto nel rapporto sull’Italia che sarà reso noto domani la Commissione sottolinea che gli investimenti sono fermi, che ‘quota cento’ non farà crescere l’occupazione e che l’aumento dei consumi dovuto al reddito di cittadinanza sarà limitato allo 0,15%. Dal documento emerge un giudizio negativo sulla situazione economica poiché, per Bruxelles, gli interventi messi in campo non sosterranno la crescita ma potrebbero invece far aumentare il debito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *