Ocalan vede avvocati dopo 8 anni

Dopo quasi otto anni, il leader del Pkk Abdullah Ocalan ha incontrato giovedì scorso in carcere in Turchia i suoi avvocati. Lo rende noto l’ufficio legale del capo dell’organizzazione curda, ritenuta terroristica da Ankara, Usa e Ue. L’ultimo colloquio risaliva al 27 luglio 2011.

L’autorizzazione dell’incontro appare come una risposta delle autorità dopo mesi di pressioni attraverso scioperi della fame portati avanti da circa tremila persone, in maggioranza detenuti, contro l’isolamento di ‘Apo’ nell’isola-prigione di Imrali nel mar di Marmara, dove è detenuto da vent’anni. Lo scorso 12 gennaio, dopo oltre due anni, Ocalan aveva potuto incontrare un familiare, il fratello Mehmet.

Gli scioperi della fame erano stati avviati l’8 novembre dalla deputata dell’Hdp Leyla Guven, allora in carcere. La parlamentare curda, che prosegue ancora il digiuno, viene nutrita solo con vitamine e soluzioni saline e glucosate che la tengono in vita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *