Trump vuole alzare dazi a Made in China

Le trattative fra Stati Uniti e Cina avanzano ma ”troppo lentamente” e intanto gli Stati Uniti si preparano ad aumentare da venerdì prossimo dal 10% al 25% i dazi americani su 200 miliardi di prodotti Made in China. Dopo l’annuncio del presidente Donald Trump la Cina ha fatto sapere di voler valutare la possibilità di cancellare il nuovo round di trattative commerciali in calendario la prossima settimana a Washington. A Wall Street i future sugli indici americani affondano, come pure il petrolio che perde oltre il 2%, per il timore di una nuova guerra commerciale. La borsa di Shanghai apre in calo del 3,04%.

Donald Trump su Twitter torna a mettere in dubbio i negoziati commerciali con la Cina prima dell’apertura di Wall Street e con le Borse mondiali in calo dopo le sue esternazioni di ieri. “Gli Stati Uniti – afferma il presidente americano – hanno perso per molti anni da 600 a 800 miliardi di dollari all’anno per il commercio. Con la Cina – aggiunge – abbiamo perso 500 miliardi di dollari. Scusate, ma questo non accadrà mai più”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *