Omesso consenso informato: non basta l`eventualità di un rifiuto

donna che dice fermamente di no a una propostadonna che dice fermamente di no a una proposta

Il risarcimento del diritto all’autodeterminazione

Il diritto al risarcimento del danno in caso di omesso consenso informato può scattare anche quando il paziente, a seguito dell’intervento, abbia subito un pregiudizio alla salute ma non sia riuscito a dimostrare la responsabilità del medico.

In tal caso, infatti, a essere stata leso è il diritto all’autodeterminazione e tanto basta per determinare un’ipotesi di responsabilità medica.

Il rifiuto dell’intervento

Tuttavia, il diritto all’autodeterminazione non è sempre risarcibile, ma lo è solo quando il paziente riesca a dimostrare che, se fosse stato in possesso delle informazioni che non gli sono state fornite, avrebbe rifiutato l’intervento e, eventualmente, si sarebbe rivolto a un’altra struttura.

Infatti, come si legge nella sentenza numero 17322/2020 qui sotto allegata, “Il rifiuto del consenso alla pratica terapeutica rileva … sul piano della causalità giuridica ex art. 1223 c.c. e cioè della relazione tra evento lesivo del diritto alla autodeterminazione – perfezionatosi con la condotta omissiva violativa dell’obbligo informativo preventivo – e conseguenze pregiudizievoli che da quello derivano secondo un nesso di regolarità causale”.

L’eventualità non basta

Per i giudici, a tal fine non basta la mera eventualità che l’intervento sarebbe stato rifiutato o che il paziente si sarebbe rivolto a un’altra struttura se avesse ricevuto tutte le informazioni necessarie per prestare un consenso informato all’intervento.

Infatti, l’eventualità non è idonea a integrare il requisito del rifiuto ma quest’ultimo deve essere provato esattamente dal paziente, sebbene con ogni mezzo e, quindi, anche con il notorio, le massime di esperienza e le presunzioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *